martedì 14 novembre 2017

L'Italia col resto del mondo non c'entra un cazzo



L’Italia col resto del mondo non centra un cazzo. Il pallone invece per fortuna ha sempre ragione anche quando incoccia maldestro uno stinco masochista e autoctono.

E’, anche se vi sembrerà strano, è giusto così.

Perché la discesa agli inferi del vello azzurro è un suicidio assistito in patibolo da decenni.

Anni nei quali le squadre si son gonfiate di petti d’esportazione, di scambi transoceanici, naturalizzazioni forzate, scene patetiche, buoni propositi annunciati subito compromessi inquinati dal vizio atavico di sentirsi comunque e sempre i più forti.

Ma i Maldini, Barresi, Nesta e Cannavaro non ci son più.

Son rimasti Buffon, Barzagli, Chiellini, De Rossi.

Loro, la faccia e il cuore gonfio di lacrime l’han messa tutta. Buffon ha addirittura chiesto scusa. Lui. Un monumento d’Italia chiede scusa per le cacche d’infingardi piccioni. Gli altri. Quelli che invece di migrare altrove all’infuriar della tempesta stanno fissi e inchiodati all’incantesimo della poltrona.

Come tanti in Italia. Quelli che senza un po’ di pelle sotto il deretano non saprebbero su cos’altro defecare. E nuvolosi, prendono tempo.

Ora non c’è n’è. Il feretro è andato. Insolentirlo di vanvere un’offesa.

Zitti dunque. Che è meglio diceva Quattrocchi.



Peccato che com’è andata ieri l’han visto tutti e fa peggio.

giovedì 2 novembre 2017

A MIO NONNO (06 -07 1927 – 26 -12 -1997).


…Ci sei sempre tu nelle parole accoccolate in gola; qui ogni tanto qualcuno viene fuori, dice la sua, sputa sentenze, ammazza, poi si rifugia mendicando dignità in un nuovo silenzio da protrarre nel tempo. Altri solleticano verbi grezzi per sentirsi meno soli, imperativi audaci buoni solo da ostentare nell’alta società.
… Io a volte mi perdo, avvinghiato a qualche crampo vagabondo, con l’entusiasmo e lo stupore dei principianti smarrito in qualche anfratto, restando a guardare questo affollato momento che fugge e rimanda soltanto le voci del vento, il riflesso di facce pallide, lo schermo dove proiettano i sogni… e non vedo niente… Da vent’anni.
Ci sei sempre tu…
 Manchi senza numero

(lo sai: non son mai stato bravo in matematica). 

domenica 8 ottobre 2017

Viva l'oste Aldo

E’ morto Aldo Biscardi.
Scorrono memorie. Piovono immagini.
L’Italia pena un’incerta ventura mondiale. Come a evidenziare atavica  fifa  a certe latitudini.
Scruto Aldo alla ricerca del suo segreto, quello che gli ha assicurato successo tra il pubblico e gli addetti ai lavori.
No:
la voce no, non è di quelle che favoriscono un personaggio televisivo.
Affanna, con increscioso frutto, come un tempo solo il Baffo Da Crema riuscì a fare sugli schermi.
E l'autorevolezza?
Indubbiamente c'èra, e ci mancherebbe, ma non a gradi sommi per investirlo nostro Re del Calcio.
Perdibili poi le incursioni in altri programmi,  marionetta di costume   assisa sugli spalti senza troppa gloria.
Dunque qual è  stata la bomba atomica innescata per oltre un trentennio col suo Processo dal fulvo Aldo?
Forse il piglio tra i commentatori, simile a quello gioviale e dispersivo di certi antichi osti?
Potrebbe anche essere.
Perché agli italiani - i  maschi italiani, intendo, che seguono il cosiddetto football - piace un imbonitore che evidenzi questo e quello con fida indulgenza.
E però non è sufficiente, dai.
La verità è che sostanzialmente, l'arma letale di Aldo Biscardi è stata palesarsi da signore.
Perfetto, in televisione, per l'immaginario globale.
Mai volgare nelle posture, e al tempo stesso carico di voluttà aitante.
Sorrisi lievi, capelli che educatamente rosseggiavano il viso, eleganza nei gesti di estrazione italica.
Il tutto accompagnato da un abbigliamento degno, magari qualche volta troppo da sala da tè, ma comunque in linea con il buon gusto borghese.
Cos'altro poteva servire, nell'Italia inquieta  degli anni Ottanta , per conquistare spazio e successo?
Nulla.
Infagottato in antenne sempre più marginali quelle di  7 Gold da ultimo – s’è proiettato comunque nell'olimpo delle tele icone spendibili,annacquando anche quella lingua da macchietta popolare.
Anche il trash  virtuale di introdurre gli opinionisti sul campo di calcio, e rinverdire  in questo modo una vecchia idea pedagogica del tubo catodico che in tempi di VAR  e larghe intese appare sempre più necessaria .
Comunque sia, il risultato raggiunto è stato è sarà storico.
Tra un ritrovato Cucchi e un esaltato Pardo, continuerà a brillare la stella Biscardi:
dimostrazione scientifica che la tv è colore, effigie, scoperta  tacita di crepe umane.
Viva l’oste Aldo, dunque, e non ci accavalliamo che a casa non si capisce niente.


sabato 16 settembre 2017

Chi l'ha visto? Trionfo della pietà o cicaleccio per indifferenti?

 Che un programma che si occupa esclusivamente di assenze venga alla ribalta per un ritrovamento è strano; che si critichi perche svolge alla perfezione  il suo ruolo  di indagatore dell’umana realtà pur nei suoi aspetti più cupi sopperendo, nella stragrande maggioranza dei casi, alla miopia degli stessi inquirenti, è paradossale.
"Chi l'ha visto?", trasmissione già spiona nel titolo, è in realtà un cazzotto dolente, occhi pieni di lacrime che Federica Sciarelli, dopo trent’anni, ha imparato a tener desti e colmi, senza che mai una stilla di pianto  zuppi il macadam della pregiata RaiTre.
Da questo punto di vista -sotto il profilo dell'etica, dell’accuratezza e dell’esattezza concettuale-, l'offerta è giunta al suo meglio, con un profumo di noir che colloca lady Sciarelli tra una sadica poliziotta americana e la più rassicurante Veronica Pivetti di Provaci ancora prof!.
Mossa da irreprensibile devozione altruista, intendo, la fulva Federica alberga saggia l'altra faccia dei congedi, ossia i parenti -stretti o meno stretti- di chi troppe volte non torna a casa. E con la forza di servizi rigorosi, e secchi, vincola il popolo a solidarizzare con gli ignoti e il loro segreto: non più proprietà del loro animo inquieto  ma concreto spartito in cui fare defluire qualunque affanno.
Esemplare, in questo senso, per tempismo e perfezione, è stato il tragico blitz  sul caso Durini, ragazza leccese con morte ombrosa annessa  e inveita deprecabile sotterra.
A portarla alla luce non è stata la confessione di un reo assalito dai sensi di colpa; bensì l’incalzare della cronaca di fronte a infelici frottole.
Piaccia o non piaccia, esalti o non esalti, nessuno anche munito di adeguati plastici ha quest'abilità maieutica nel lusingare l' ambiguità, nel rosolare a rogo pigro l’antropica cruna trasformandola  in cordiale sceneggiato.
Soltanto "Chi l'ha visto?", e il suo alveare laborioso, fa volare e resistere  nel tempo tante storie cupe. E a noi vili ciabattini, sbaragliati dal sentimento, non resta che interrogarci sull'abbondante percentuale di ascolto che queste ottusità antiquate conquistano.
Trionfo della pietà o cicaleccio per indifferenti?


venerdì 25 agosto 2017

Hanno detto che Antonio è tornato in città

Hanno detto che Antonio è tornato in città. L’hanno visto arrancare per le cavità del mattatoio dove ha sanguinato per logorati decenni. L’hanno visto con una borsa dalla trama scura, un po’ sporca. Con i fili che si perdono nei discorsi ancora da fare. Tombe corrucciate nel Segreto, persino le vecchie non sdilinquiscono tanto sull’argomento.   Ne parlano mute, come al cospetto di un’apparizione in fondo attesa senza l’accento stridulo della calunnia. Mugolano solo che è tornato in città e basta.
Qualcuno afferma che è stato in convento, al seguito di una lubrica suora laica, per ripararsi dall’umana fatica e respirare di nuovo. Qualcun altro sostiene che è tutta una balla. Che è stato a Lecco, un impiego dietro le quinte per imparare la sofferenza. Ma ce lo vedete Antonio che si mette a impastar altra piaga che non sia la sua ? Proprio lui che preferisce stare in disparte anche quando avrebbe tutte le carte in regola per ammutolire gli stolti che nelle controversie dall’occhio pigro vomitano Mughini da Campari, convincimenti abusivi.
Qualcuno dice s’acquatti  calvo e barbuto su uno scalino nelle vicinanze. Scrivere poesie su un notes scoperto. Per una donna, pare. Ma forse è  solo una proiezione infante da   serie televisiva anni Ottanta. Un rantolo inverso d’asilo, di senso sfascio. Forse son davvero solo echi di risulta e  titoli di libri da comprare il mese prossimo.
Qualcuno non si ammassa punto sul luogo, dove è stato, ma, chissà perché, virgola avido su come diavolo è venuto. Si spera che Antonio non si smarrisca nel rintracciare, al rientro, il luogo che ha lasciato. Finirebbe per deprimersi e dover ammettere che il luogo non è più lo stesso. E’ forse non è mai davvero stato. Perché stare, è pelle in continua muta.  E pure gli occhi si perdono come biglie ingenue nella routine di uno spiazzo. E mentre gli dicono questo, non sanno, che stanno assordando una nota fuori pasto.
Qualcuno, Antonio, dichiara di averlo visto in un parco, all’ora in cui il sole d’estate comincia a scemare.  Ché a lui lo sapete, non piace la ressa.  
Contemplava la notte alta e fulva insinuarsi lenta nei cavi erbivori. Pareva agognasse qualcosa. Forse braccava solo il minimo pertugio utile a cristallizzare nella mente la luce tragica e funesta di tutto quello che l’aveva portato via da lì.
Qualcuno riferisce che Antonio è ripartito, che qui Antonio non poteva starci più. Che qui Antonio non c’è mai venuto e che a volte è solo la voglia di un lieto fine a stroncare  l’acre anonimato.
Qualcuno dice solo che Antonio è tornato in città. Ed è solo questo che conta quando una storia in qualche modo ricomincia.


martedì 22 agosto 2017

Non finisce mai l’era dei corpi intrappolati nelle macerie

Una stolta fedeltà livella
la tua tangibile diserzione e il tuo ramingo attracco
dall’intima infanzia del tempo tu mi svegli
ispessendo la barba dell’oppressione.

Non finisce mai  l’era dei corpi intrappolati nelle macerie
coscienze che diligenti goderono il loro odore,
qui accantonano tuttora le voci smarrite
e io concio un grido di consapevolezza e grazia.

sabato 19 agosto 2017

Almeno prima del fischio d'inizio

L’onda lunga del caso Neymar ha coinvolto pur di striscio anche il pallone nostrano. E’ poco importa se a far la voce grossa ora son i cinesi. Quel che conta, è che dopo anni di vacche magre, e primitivi prestiti, il denaro è tornato a circolare nelle stanze che conta dando al calciomercato italiano una connotazione mediatica impensabile fino a pochi mesi fa.
Sia chiaro, nulla di clamoroso; quel che basta a garantire la giusta altalena, l’effettivo pathos a un pallone che sino all’anno scorso dopo pochi sminuzzati spezzatini già sapeva di muffa.
Stavolta non sarà così. Perché chi doveva rafforzarsi per darsi un volto più europeo non l’ha fatto (la Juventus su tutte) chi doveva recuperare qualcosa non potendo rivoluzionare reparti ha conservato a dovere (Napoli a seguire), ritoccando il giusto (l’Inter a sorpresa).
Certo ci sarebbe il Milan. Ma i tanti cambi  esigono  giusti tempi e spazi ampi. Tranquilli.  Li avranno tutti. Perché il calcio non è una scienza esatta. Almeno fino al fischio d’inizio della prima giornata di campionato. Almeno fino al termine di queste pagelle di mercato.
Buona lettura!!!



Atalanta 6.
Se nel calcio ci fosse davvero spazio per le favole sarebbe bellissimo scrivere che la Dea ha tutto per confermarsi e far bene anche quest’anno che c’è la Coppa Uefa (no ragazzi: Europa League proprio non mi piace).
E invece no.
Ai ragazzi di Gasperini è mancato il tempo di un effettivo consolidamento. Il mercato è arrivato prima togliendo certezze (Conti, Kessie su tutti) e inserendo carneadi in fascia (Castagne), e polmoni di ritorno al centro (De Roon) ;sulla trequarti la ciliegina slovena Ilicic.
Proprio così male no di certo.
Però se ti sfilano dal mazzo Spinazzola all’ultimo  istante per un  Laxalt ancora da venire , qualche incognita in ottica Coppa – campionato c’è ed è inutile nasconderla.

Benevento 5,5.
L’entusiasmo di una neopromossa meriterebbe la sufficienza d’ufficio.
Però, pur  rilevando con piacere come la dirigenza beneventina non si  sia fatta invischiare in chimere dal periglioso alone esotico puntando su nomi esperti (Costa in difesa),  e dal luminoso futuro (Cataldi a centrocampo )   tutti italiani manca tuttora qualcuno che possa assicurare punti e gol pesanti in area di rigore e Coda proveniente dalla Salernitana, sembra  solo il classico bomber di categoria .  La B appunto.
Più di una serie una fine. Brutta. 



Bologna 6.
Quando i soldi non fanno la felicità, ma danno sicurezza t’adagi in poltrona e più dell’acqua non chiedi ti ritrovi di sicuro  a guardare il Bologna .
Una squadra gloriosa passata attraverso stagioni nerissime che patron Joey  Saputo a forza di dollari e mozzarelle ha rimesso in piedi alla grande garantendo sempre stagioni tranquille e oneste. 
Fin troppo se in panchina hai un signore che si chiama Roberto Donadoni .
Se vogliamo trovare un problema sotto  il cielo felsineo, è proprio questo;
L’annosa assenza di reali obiettivi svacca l’esistenza e ammoscia qualsiasi libidine. Non può garantirla l’operaia geometria di Poli, né il guizzo veterano di Palacio. Tranquilli: c’è sempre Destro a rinverdire i prodromi di una sua effettiva rinascita.
C’è tempo però anche per questo portento perché sarà salvezza comunque.


Cagliari 6.
Dopo i botti di l’anno scorso triste questa estate blanda.
 Andreolli e Cigarini non accendono stelle in paradiso e lo strappo con Borriello lacera il cielo e ruba il sonno a un’isola felice. Peccato.
Sarà comunque salvezza ma stavolta col brivido.

Chievoverona 6.
Meno male che il Chievo c’è. A ricordare che il calcio non è solo  esose plusvalenze  economiche e misteriose fidejussioni bancarie.
Meno male che il Chievo c’è  a ricordarci che il calcio è sudore e appartenenza. A insegnarla bomber di razza, è rimasto solo Sergio Pellissier. Da quest’anno avrà accanto Pucciarelli .
Faran benissimo e Rolando Maran in panca garanzia di successo.


Crotone 6.
Il diesse Ursino quest’anno ha fatto mercato. Questa, dopo le difficoltà dello scorso anno, è già una notizia. Son andati via Ferrari in difesa e Falcinelli in attacco. A rimpiazzarli l’albanese Ajeti in difesa e soprattutto in attacco il mai troppo rimpianto bomber croato Budimir.
Niente male per un Crotone che quest’anno ha tutte le carte in regola per salvarsi in fretta e con stile.
Interessanti in mezzo gli arrivi di Izco e Mandragora. Il giusto mix di gioventù ed esperienza utile ad un tecnico come Davide Nicola concreto e rampante. Come questo Crotone in effetti.





Fiorentina 5,5.
Dopo la lunga fuga estiva di tutti i big della squadra, l’arrivo di Benassi e Simeone junior non può autorizzare voli pindarici ad una squadra quasi tutta da ricostruire. Corvino ci sta mettendo creatività e intuizione, ma augurare a Pioli una stagione serena è un azzardo. Proprio come questa Fiorentina purtroppo.


Genoa 6.
Il Genoa è sempre un fascinoso mistero. Il vizio estremo di cambiar tutto all’improvviso guasta l’anima e appanna la vista ad una squadra che avrebbe tutto per sorprendere e stupire ma poi delude.
Quest’anno ha vinto la concretezza e apparte i ritorni di Bertolacci e Centurion Lapadula assicura gol e profondità in area di rigore.
Non in classifica però dove il Genoa galleggerà tranquillo e sereno.

Hellas Verona 4. 
Morto Romero il 16 luglio scorso, i tifosi del Verona non meritavano un triste remake de La notte dei morti viventi del 1968.
Anche perché siamo nel 2017 e presentarsi ai nastri di partenza del massimo campionato con i soli Caceres e Cerci conciati rinforzi è condannarsi in partenza.
E’ questo non è un film bellezza. Fa solo orrore.


Inter 7.
L’altra milanese ha speso di più d’accordo. Questa ha comprato meglio comunque scegliendo ritocchi mirati e giudiziosi.
Borja Valero al centro non l’ha nessuno e Spalletti in panchina è garanzia di creatività e successo.
Motivare un sicuro partente come Perisic un segno importante di cosa vuol dire avere un allenatore vero in panchina.
Se il giochetto riuscisse anche con Jovetic pensare allo scudetto non sarebbe un azzardo. Anzi.

Juventus 7.
Non si può dar di più a una squadra che in sede di mercato qualche cosa in più doveva farla per stare al passo delle big europee.
De Sciglio, Matuidì, Bernardeschi e Costa in un torneo al piccolo trotto fan bene, ma in Coppa non garantiscono trionfi.
Era ed è, molto difficile migliorare questa Juventus, ma indebolirla ancor di più. Incaponirsi nel non sostituire Bonucci è da sciocchi. Farlo all’ultimo tuffo come una neopromossa qualsiasi, da ritardati.
Così s’azzarda troppo e anche il dominio domestico per la prima volta dopo sei anni è a rischio.

Lazio 6,5.
Leiva per Biglia e un trofeo in bacheca. Non si fan scialacqui in casa Lotito ed è giusto così.
Soprattutto quando si ha un tecnico che i rinforzi li porta da casa, li mette in campo e risolvono le partite (vedi Murgia in Supercoppa).
Così vincere è più difficile. Ma che gusto ragazzi.

Milan 8.
Non solo soldi ma anche qualità sulla Milano rossonera.
Bonucci, Conti e Chalanoglu schiudono traguardi insperati alla squadra di Montella.
Il fatto che l’elenco continui offre la misura di quanto ci fosse da fare in casa del Diavolo .
Fassone e Mirabelli non si son tirati indietro. Han speso tanto e bene. Vincere è quasi un obbligo.

Napoli 7,5. 
La meraviglia partenopea avrebbe meritato voti più altisonanti.
Aver tenuto tutti i big un capolavoro.
Non aver azzardato qualcosa in più in sede di mercato nell’anno in cui la Juventus poltrisce l’unica pecca in un altro anno da sballo.
Garantisce Maurizio Sarri.

Roma 6,
Nell’anno post – Totti un ridimensionamento è dietro l’angolo. Monchi è una pezza di lusso ma lui in campo non va.
Pellegrini in mezzo è un bel ritorno ma per lo scudetto ci vuol altro e per Di Francesco sarà difficile tener sempre la barra dritta e non aver (ancora) sostituito Salah una pecca decisiva in termini di squadra e d’ambizioni.

Sampdoria 6.
Telenovela Schick a parte, aver venduto il funambolico Muriel per Caprari qualche dubbio lo lascia. C’è Ramirez per Fernndes ma tanto non sposta. Da seguire con attenzione anche in ottica azzurra Ferrari per Skriniar.
Tante premesse che Giampaolo saprà di certo svolgere con dovizia per un campionato senza infamia e senza lode.

Sassuolo 6,5.
L’orgoglio tutto italiano del Sassuolo merita sempre qualcosa in più.
A incoraggiarlo quest’anno è giunto Goldaniga difensore che in un ambiente più sereno del derelitto Palermo dello scorso anno può far tanto e bene.
Via Defrel è tornato Falcinelli. Con Berardi già promette scintille e una stagione alle spalle  delle grandi per il Sassuolo  non è utopia.

Spal 5,5 .
Lo ammetto: la compagine ferrarese mi è simpatica. Sul mercato s’è mossa anche bene acquisendo l’esperienza di Felipe in difesa e la classe di Viviani a centrocampo ma puntar tutto in avanti su Paloschi che è un anno e mezzo che non segna è fantascientifico.
Da tenere assolutamente Antenucci che a differenza di Coda del Benevento, per la A è prontissimo.

Torino 6,5
Il presidente Urbano Cairo dopo essersi assicurato Giletti e Guzzanti per la 7, non ha lesinato neanche per il Toro e cessione di Benassi a parte con Sirigu in porta, N’Koulou in difesa e Rincon a centrocampo ha sicuramente migliorato i granata. Con Belotti ancora al centro la Torino granata può vivere un anno da protagonista.

Udinese 6.
Dopo anni in chiaroscuro l’Udinese può riscoprirsi grande. Scuffet in porta, Pezzella in difesa Berhami in mezzo e Lasagna in avanti non potranno far rivivere i tempi delle Coppe in televisione e i gol a grappoli di Di Natale ma possono schiudere orizzonti rosei.

Quelli di cui noi tutti (stragi spagnole a parte e con la VAR in arrivo), abbiam bisogno in questo lungo intermezzo in cui la vita, quella vera, ancora latita.