sabato 14 luglio 2018

Cristiano Ronaldo slls Juventus : un bene per tutti



Dunque amici ricomponiamoci e diciamolo  forte e chiaro tutti insieme : CRISTANO RONALDO E’ UN NUOVO GIOCATORE DELLA JUVENTUS.
Quella che fin a qualche giorno fa, sembrava una sboronata da eccesso di spritz è ora una realtà fatta e finita.
Per il campionato italiano forse sì. Per i fiori e le opere di bene a un sistema calcio commissariato e fuori dal mondo è l’inizio di un godimento insperato, inatteso ed anche per questo fenomenale da risarcire tutti quelli che quest’anno non han affumicato giardini con colossali grigliate e adesso van a dormire con l'idea meravigliosa di Ronaldo in testa.
A tutto.  Al mondo che adesso sa che la Juventus non è solo brava ad arrivare alle finali di Coppa dei Campioni ma i CAMPIONI è capace di prenderli pure lei portandolo a giocare in posti e stadi non del tutto irreprensibili e noti ai più.
Pensate alla festa dei tifosi di Empoli e Frosinone quando si ritroveranno CR7 a casa loro. Pensate cose sarebbe successo a Crotone. 
Cosa è accaduto alla Juventus che una volta fiutato l’affare non se l’è lasciato sfuggire senza menar   l’EMRE CAN  per l’aia (a proposito: è arrivato anche lui).
Nei giorni di Cancelo Mendes sussurra ai dirigenti bianconeri ” Cristiano vuol provare qualcosa di nuovo . A voi può interessare?”
Marotta e Paratici han detto “certo che sì” e allora sulle note “di” vorrei non vorrei ma se vuoi” via Rugani e Higuain e 105 milioni subito in viaggio verso Madrid per un’icona interplanetaria. Perche la potenza è nulla senza il controllo ma se metti un  Ronaldo al centro il successo è assicurato.
Chiedere per informazioni ai tifosi dell’Inter.
Da ieri pomeriggio anche la Juventus ha il “suo” Fenomeno.
Lo sa il Mondo. Lo imparerà l’Italia con un indotto a strisce bianconere inimmaginabile.
Spostando davvero gli equilibri. Senza ghigni farlocchi in fotocamera in rossonero vestito.
In campo soprattutto dove non segnerà caterve di gol come in Spagna, ma farà tanto e bene in Europa. Laddove conta. Perché lui sa come si vince.
Dybala ancora no e, infatti, è quello che “rischia” di più nel parco attaccanti juventino.
O trova la consacrazione o è meglio cambi aria .
La Juventus resterà in testa comunque perché nel corso degli anni s’è mossa a piccoli passi partendo da Matri e Vucinic (in sostanza lo stanzino delle scope calcistico) per arrivare a Mandzukic e Costa (caviale e champagne pallonaro) mentre gli altri han fatto melina sperando in manne asiatiche e misteriosi fondi.
Alla fine la domanda è legittima cari lettori: questa serie A ha ancora senso?
Certo che sì. Perché oltre Ronaldo c’è di più.
Carlo Ancelotti ad esempio sulla panchina del Napoli. Uno che Ronaldo lo conosce bene e come lui sa come si trionfa.
Il giusto  slancio con l’occhio acchiappesco del tecnico di Reggiolo per andare oltre Sarri e i suoi  languidi incanti.
C’è l’Inter finalmente padrona di sé e del suo futuro con un ninja in più sulla trequarti. C’è la Roma con un Pastore in mezzo al campo.
Una volta dicevano era buono.
Basteranno un ninja è un pastore ad abbattere il Golia Ronaldo?
Forse no ma chi di voi ha guardato le Tartarughe Ninja da piccolo e legge la Bibbia da grande sa già che è possibile.
E’ nella possibilità v’è sempre un pezzo di futuro.
Più bello con Ronaldo in campo vedrete.



Nessun commento:

Posta un commento