giovedì 5 febbraio 2015

Elisa Isoardi:fatale fatina di una difficile opposizione



All’indomani della chiusura del mercato di gennaio, al cospetto della solita imbarcata di stranieri ci accorgiamo quanto sia difficile urlare ancora  Forza Italia. Se poi vedi Silvio Berlusconi mettersi in coda a pietire considerazione come un bavoso pensionato in attesa dell’agognato sussidio di fronte al trionfante Renzi qualcosa non va e la gente mormora.

L’asta di Silvio s’è ammosciata e la bandiera del Berlusca si sta sbiancando a tal punto che ora un passaggio di consegne in seno all’opposizione  pare quasi obbligato se non necessario.

Ma chi potrà sostituirlo?

A suo tempo Matteo Renzi si rese utile sussurrando agli italiani un sogno accessibile distante dall’’alcova degli eccessi berlusconiani.

Ora è diventato un apostolo dello scacchiere politico scaccolando l’opposizione di Destra in tre mosse indebolendo FI costituendola una società satellite  del PD e  spianando la strada alla rinascita della Lega che ha spodestato il bizzoso Grillo quale polo 
eccitatore degli intestini umani . Ora è il turno di Matteo Salvini e la Lega, l’opposizione ineleggibile che ogni governo sogna. Il Grillo Parlante delle viscere degli Italiani lo sta interpretando lui. 

Intanto ha già conquistato la fatale fatina Elisa Isoardi che diciamolo, parla meglio della Pascale e legge il gobbo istituzionale  con  risultati migliori  rispetto alla pur incantevole Boschi.

Nessun commento:

Posta un commento